il principe giallo.

E così mi ritrovo a sostenere un’altra volta la mia amica, che ci aveva creduto anche questa volta ed anche questa volta ha visto infrangersi le sue speranze.
Possibile che debba sempre andare così?
Non lo credo, preservo ancora un po’ del mio innato ottimismo, messo a dura prova dagli eventi perchè a volte è molto difficile rimanere saldi su stessi quando tutto intorno ti fa sentire sbagliata e fuori luogo.
E mentre praticavamo insieme e cercavo di sostenerla il più possibile ho pensato che io voglio il mio principe giallo. Non lo voglio azzurro, secondo me il principe azzurro si è montato la testa ed infatti in giro c’è certa genta stronza che non si può descrivere in nessun altro modo se non stronza.
Voglio incontrare un uomo talmente folle da essere capace di presentarsi vestito da principe, però color giallo, e magari esordendo con una frase del tipo “i principi azzurri sono finiti, ci sono io il principe giallo, unico e irripetibile”. Qualcuno di folle, che voglia divertirsi, ma che ci voglia anche essere.
E qualcuno capace di prendersi anche il mio lato folle, il mio lato oscuro.
Perchè poi frega questo: all’inizio va tutto bene e poi… e poi ci si inizia a conoscere.
E le persone non sono sempre belle, perfette, tenute, diplomatiche. Le persone sono persone, vive e in quanto tali piene di sfaccettature, alcune meno piacevoli. Però è troppo comodo prendersi solo un pezzo e quando il resto non piace rispedire al mittente. Troppo comodo.
Nel mentre di tutti questi pensieri (parte dei quali ho sicuramente già espresso da qualche altro post… questo per rispondere a chi magari mi conosce e sta già pensando che sono ripetitiva), sono giunta alla conclusione che sono molto diversa dal mondo che mi circonda, molto diversa. Mi sento spesso un pesce fuor d’acqua e l’unica a pensare le cose in un certo modo. Non so se effettivamente è così, così è come mi sento io.
C’è poco da fare… a costo di rimanere da sola non cambio. Non cambio non per orgoglio o per paura, non cambio perchè come sono mi piace, quindi non importa se rimango da sola sulla faccia della terra a ragionare in un certo modo, sono molto orgogliosa di quello che sono diventata e che ogni giorno coltivo e curo.
E per una come me ci vuole uno molto orgoglioso e sicuro di sè, tanto da essere capace di presentarsi vestito da principe giallo.

A.A.
twitter @egocenthrika

Annunci

2 pensieri su “il principe giallo.

  1. Anche io voglio un principe così.. che sappia distinguersi dalla massa… uno che il cavallo lo tiene in salotto per non farlo soffrire di solitudine.Uno che la spada la tenga appesa al muro come oggetto da arredamento.Uno che la scarpetta di cristallo la infranga a terra e mi dica : ” Andiamo a piedi nudi tutta la vita” . Uno che la sera mi faccia addormentare con un bacio, e non che mi faccia svegliare perchè soffre di alitosi. Uno che .. vada contro corrente. Come me. Un pazzo sfegatato. E le speranze di trovarlo non le perdo. Faremo la fine della tua amica, inevitabilmente, mentre resteremo in attesa di questo folle principe. Ma quando arriverà ne sarà valsa la pena.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: