affonda l’Italia

Ma non gli Italiani

La giornata di oggi è segnata dal disastro che ha coinvolto la nave da crociera della Costa denominata Concordia nei pressi di Isola del Giglio con oltre 4000 persone a bordo. Non è ancora chiaro il numero delle vittime, ma di certo è un’ulteriore ferita per un Paese, il nostro, che non sembra trovare posa alle sciagure.

Sembra la metafora di ciò che succede all’Italia. Una nave carica di persone dove si è ballato, riso e sperperato ricchezza che non c’era, e che avrebbero avuto di che ben vivere e godere, ma che si è trovata a navigare su una rotta sbagliata. L’Italia che si è incagliata e imbarca acqua da mesi, o forse da anni, piegati su un fianco, anche noi, come la Concordia.

Le vittime si contano per strada, nei suicidi, nella tensione palpabile tra i cittadini.

A sancire ciò, il nostro rating è appena stato declassato da Standard & Poor’s a tripla B per difetto di italianità. Puniti da chi ha gran parte delle colpe di aver creato quell’economia irreale, surreale e grottesca che oggi è la maschera oscura della crisi.

Siamo davvero un Paese di serie B, una nazione che non da certezze nè garanzie? Siamo un popolo non più degno di fiducia e che non ha aspettative positive davanti a sè?

A vedere gli Italiani, io direi di no.

Eppure qualcosa manca. C’è un vizio di fondo che non ci consente di riprendere la rotta. Il non conoscerla.

Siamo alla deriva perché abbiamo perso la bussola, e le carte non sappiamo leggerle, figuriamoci le stelle alle quali eppure ancora ci affidiamo.

Chi dovrebbe condurci, o chi fin qui peggio c’ha condotto, non sembra aver la stoffa del comandante.

Il comandante è quello che detta la legge in mare, che diventa istituzione sovrana e che sulla propria imbarcazione non lascia ad altri decisione alcuna.

Invece, ci troviamo in balia di una situazione politica mondiale, dove la finanza e i poteri forti decidono le sorti di popoli non più sovrani ma pronti già alle scialuppe.

Chi ne trae vantaggio da un affondamento, quando lo stesso equipaggio, il capitano e l’armatore stesso vengono costretti ad abbandonare la nave a terzi?

Qual è il piano per cui si sta disfacendo una Nazione, dove chi può si mette in salvo e chi è rimasto dimenticato da soccorritori poco preparati ha paura di ogni minuto che trascorre?

A voler guardar bene, la politica continua ad essere quella piazza di interessi specifici e lotte di potere su uno Stato che nel frattempo muore, collassato di fianco come una nave da crociera a poca distanza dalla riva.

Credo che soltanto gli Italiani possano salvare l’Italia, se tornassero a vivere in Concordia. Basterebbe soltanto volerlo e lottare contro coloro che invece chiedono mare libero per sé dove compiere razzie come corsari moderni.

A.R.

Annunci

Un pensiero su “affonda l’Italia

  1. E’ particolarmente triste fare un parallelo con una Tragedia vera dove ci sono stata anche vittime. Ma il parallelo, purtroppo ci sta tutto, temo. La nave Italia era troppo impegnata al “Circolo Ufficiali” a festeggiare platealmente la duplice propria recente vittoria sulla Ciurma riottosa (referendum, immunità) per aver tempo da dedicare almeno alle strumentazioni di Bordo. Che pure indicavano da tempo anche questi scogli. La cosa drammatica è che si deve finire per dare ragione ai rating: un Paese senza sviluppo, senza lavoro, senza equità – come oggi il nostro – ma dove va con un debito come il proprio?
    Quello che si delinea temibile per febbario/marzo venturo appare uno scenario finanziario ora da…. possibile insolvenza. Dentro una povertà di massa. Di un Paese potenzialmente invece pieno di risorse. Lanciato in Recessione volontariamente.
    Le ultime righe che leggo lasciano tuttavia l’unica vera speranza di Resurrezione alla nostra Pasqua di Via Crucis nazionale che temo ci aspetti sino in fondo. “Credo che soltanto gli italiani possano salvare l’Italia, se tornassero a vivere in concordia (…).”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: