sei minuti a mezzanotte

L’orologio dell’apocalisse.

La guerra atomica sarà la più priva di odio mai vista. Chi colpisce non odierà il nemico poiché non potrà vederlo. E la vittima non odierà chi lo colpisce, poiché questi non sarà reperibile. [G. Anders- Essere o non essere]

Si tratta di un orologio simbolico creato nel 1947 dagli scienziati dell’università di Chicago.
La mezzanotte di questo orologio, simbolo dell’urgenza relativa alla problematica degli ordigni nucleari, sta ad indicare la fine del mondo causata da una guerra atomica.
Attualmente mancano solo 6 minuti a mezzanotte!

Perdiamo le parole o le usiamo per attaccare un ipotetico sistema, ma quando di quello che ci circonda ci tocca davvero?
Personalmente  più cose vedo e meno ho voglia di guardare.

Siamo bombardati da informazioni di ogni genere e derivanti da ogni possibile fonte, sarà un modo per prepararci ad un altro tipo di bombardamento?
L’essere umano, anche senza volerlo, mette in atto delle strategie inibitorie in situazioni di sovrattivazione empatica: le condizioni che dovrebbero permetterci di immaginare il dolore degli altri portandoci a compiere delle azioni quanto più prosociali possibili, ci bloccano nella misura in cui ci colpiscono troppo.
Siamo come immunizzati dal dolore di fronte a quegli altri che non hanno colpa, possibilità, speranza, c’è talmente tanta sofferenza in giro che forse ci fa meno male ignorare che riflettere, perché tanto non si può far nulla o almeno questo è quello che vogliono farci credere

Il mondo investe circa 1.464 miliardi di dollari l’anno per le spese militari.
Basterebbe il 4% di questo denaro per risolvere molti problemi del pianeta:
-19 miliardi di dollari eliminerebbero la fame e la malnutrizione del mondo.
-12 miliardi di dollari all’anno potrebbero garantire la scolarizzazione ad ogni bambino.
-23 miliardi di dollare all’anno potrebbero fermare la diffusione di AIDS e malaria.

Con questo esempio concreto vi esorto a non lasciarvi anestetizzare:
indigniamoci di fronte ad ogni tipo di guerra.
Per saperne di più vi consiglio il sito http://www.senzatomica.it , i contenuti del sito accompagnano la mostra “senzatomica” che si inserisce all’interno di una campagna con l’obiettivo di creare un movimento globale per l’abolizione delle armi nucleari.
Provate ad ascoltare le testimonianze degli Hibakusha (coloro che sono stati colpiti dal bombardamento) e chiedetevi se preferireste vivere una simile tragedia o scomparire con essa.

Poiché le guerre nascono dalla mente degli uomini, è nella mente degli uomini che devono essere costruite le difese della pace. [Dall’Atto costitutivo dell’UNESCO
Londra, 16 novembre 1945]
A.F.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: