addomesticare…

il Piccolo Principe & La Volpe

Se c’è un libro che nella vita ognuno di noi dovrebbe leggere almeno tre volte,una da bambino,una da giovane e una da adulto,è senza dubbio “Il Piccolo Principe” di Antoine de Saint-Exupèry.

Un racconto,una favola,raccontata in una maniera così semplice e priva di sovrastrutture da essere considerata per molti semplicemente una lettura per l’infanzia;eppure così densa di significato così struggente.

Voglio soffermarmi però su uno dei tantissimi spunti di riflessione del libro così da non raccontarvelo per intero e da invogliarvi ad approcciarvi per la prima volta o a rispolverarlo nuovamente.

La parte in questione vede l’incontro tra il protagonista il Piccolo Principe proveniente dall’asteroide B612 e la volpe che si trova in uno dei tanti pianeti visitati dal Petit Prince: la Terra.
la volpe chiede subito al principe di essere addomesticata, e il Principe stupito e ignaro del significato della parola addommesticare ascolta attentamente tutto quello che la volpe ha da insegnargli su questo termine per lui sconosciuto.

Addommesticare… la volpe pazientemente spiega che addomesticare significa creare dei legami, laddove ciascun uomo è da principio indifferente all’altro, è solo addomesticandone uno che quell’uomo sarà “speciale” ai nostri occhi.e come ci si addomestica?
Certo il termine potrebbe trarre in inganno,ma niente forzature,niente violenze,si può addomesticare qualcuno semplicemente prendendosene cura, giorno dopo giorno. E’ il tempo che si spende per quella persona che la rende importante, è un processo lungo e molto, molto lento, fatto di riti, di cui in principio non ci si rende neanche conto, e cosi una rosa, uguale a centomila rose, può diventare La Rosa per il tempo che si è trascorso a curarla.

Anche le sfumature più sottili, più insignificanti giorno dopo giorno possono diventare enormi, ricche di rimandi, di sensazioni, così come il colore del grano dapprima insignificante per la volpe, giorno dopo giorno diventa il dolce ricordo del colore dei capelli del suo Principe, allo stesso modo una canzone che fino a ieri ascoltavate senza che vi lasciasse nulla,improvvisamente diventa malinconicamente emozionante,quasi viva,quasi un tutt’uno con il ricordo a cui la legate.

E se poi quel ricordo diventa un macigno, diventa un turbamento, diventa qualcosa di cui vi chiedete se non era meglio farne a meno, se vi chiedeste poi in tutto ciò cosa ci avete guadagnato, la volpe risponde: “il colore del grano”.

G.G.

Annunci

2 pensieri su “addomesticare…

    • da Carlo Di Domenico:

      bellissimo post!!Ho letto e riletto anch’io questo libro, da piccolo ma soprattutto da grande. E’ stato per me fondamentale.
      E dal libro così come dalla persona che me lo ha regalato ho imparato tanto. Ho reimparato a stupirmi e a ridere di quelle piccole cose a cui, crescendo, purtroppo davi meno peso. Ho reimparato che nella nostra vita frenetica i piccoli riti non servono a stabilizzare la tua vita, ma ti permettono di colorarla come si fa con le sfumature in un quadro, altrimenti sarebbe freddo e scialbo. Ho reimparato a sognare come forse non riuscivo più da un pò di tempo. Ho reimparato che la leggerezza non è superficalità, ma voglia di abbandonarsi, e mai nessuno dovrebbe perderla.
      Ho conosciuto l’amore, il significato delle parole: “perdersi per qualcuno”!
      Ed è proprio vero, quel ricordo un giorno diventa un macigno, quasi insopportabile. Poi però capisci, sorridendo, che sono stati alcuni dei momenti più felici della tua vita..e allora non rimpiangeresti mai di averli vissuti, non vorresti mai non esserti perso.
      Hai il momento, il colore del grano.

      mi hai emozionato 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: