pensavo fosse una canzone

invece sono i miei pensieri

Hai cercato di capire
e non hai capito ancora
se di capire si finisce mai.
Hai provato a far capire
con tutta la tua voce
anche solo un pezzo di quello che sei.
Quante vite non capisci
e quindi non sopporti
perché ti sembra non capiscan te
E ti sei opposto all’onda
ed è li che hai capito
che più ti opponi e più ti tira giù.
[Metti in circolo il tuo amore, Fiorella Mannoia]

Sono tante le canzoni che mi passano per la testa oggi, le ascolto in sequenza dopo un’accurata scelta, perché io vivo di musica, la mia fedele compagna che mi tiene per mano anche in una stanzetta lontana km e km da tutto ciò che finora mi aveva sempre circondato: poesie cantate da qualcuno che di sicuro ha provato e prova le mie stesse emozioni. è sorprendente come il mio punto di vista all’improvviso cambi, rispetto ai momenti in cui, forse con una punta di presunzione, ho creduto di essere al sola a provare certe sensazioni e a percepire determinate sfumature della vita.

Mi rendo conto ascoltando le canzoni, che in fondo non sono sola, se qualcuno ha già scritto o cantato i miei pensieri, forse non erano solo miei.

E forse il primo passo per capire noi stessi, e per capire gli altri è proprio questo:ascoltare.

Ho sempre cercato di basare tutta la mia esistenza su questo: ascoltare quello che gli altri avevano da dire, dalle preoccupazioni alle felici novità, con una vena critica che nel tempo ho lasciato da qualche parte, perché penso che giudicare una vita di cui non siamo i protagonisti sia fin troppo facile. Ascoltavo gli altri, fondamentalmente per non sentire quella vocina dentro di me che bussava e a volte urlava, volendo uscire fuori per farsi ascoltare a sua volta, ma come molte donne, pur essendo solo una bambina, volevo essere io il punto di riferimento, il porto sicuro, incrollabile agli occhi di qualche amica che riponeva in me tanta fiducia, sperando che io avessi una parola giusta per tutto.

Per diventare una grande donna penso che la strada sia lunga, e credo che ci si arrivi solo alla fine del percorso: una cosa è certa, si incomincia sempre dall’essere una ‘piccola’ donna. Proprio quando una piccola donna capisce che ci sono cose su cui è meglio tacere, lo fa in maniera totale: a quel punto l’unica persona in grado di ascoltare la voce del suo silenzio è lei stessa.

Scrivere è sempre stato un modo per prendere tempo, per ritardare l’esplosione, perché il silenzio in un modo o nell’altro, trova il modo di uscire ed è meglio che sia prima. Scrivere per gli altri, sottoporsi a giudizi e commenti, non è altrettanto semplice per me, ma in fondo io continuo a scrivere per me stessa e per chiunque riesca a coglierne il senso: e forse è già un primo traguardo,  ed è per questo che conservo con cura le mie parole, ogni singolo dettaglio, ogni esperienza, ogni pezzo di vita che contribuirà a completare il puzzle finale.
Penso che l’ascolto vero, quello propositivo e non distruttivo, si perfezioni col tempo, non per l’acquisto di chissà quale saggezza, ma per il semplice motivo di poter riuscire a guardare gli sbagli altrui come quelli che un tempo sono stati i ‘nostri sbagli’, perché che ci piaccia o no, le risposte utili arrivano solo dopo e solo se abbiano la pazienza di aspettare.

per adesso aspetto.

A.F.

Advertisements

Un pensiero su “pensavo fosse una canzone

  1. concordo con i tuoi pensieri… : Mi rendo conto ascoltando le canzoni, che in fondo non sono sola, se qualcuno ha già scritto o cantato i miei pensieri, forse non erano solo miei…!! Credo molto in questa tua citazione……..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: